fbpx

Perché fare un Epil Check-up prima del trattamento Laser?

Il telefono squilla. “Pronto centro estetico? Vorrei fare il laser all’inguine: quando posso prendere un appuntamento?” “Signora prima dobbiamo fare insieme l’Epil Check-up”. Questa conversazione si ripete quasi giornalmente all’interno del nostro istituto, perché a differenza degli altri centri, prima di procedere con il trattamento laser, per noi è fondamentale effettuare un’accurata diagnosi del cliente.

Ma perché è così importante l’Epil Check-up? Proveremo a spiegarvelo sinteticamente in questo articolo!

Attraverso l’Epil Check-up analizziamo tutti gli elementi in grado di determinare la riuscita del trattamento come il colore e la robustezza del pelo nella zona da trattare, il colore della pelle e la densità pilifera. Inoltre, indaghiamo i possibili fattori in grado di influenzare il ciclo di crescita dei peli, dalla situazione ormonale del soggetto, all’assunzione di farmaci, in modo tale da accertare innanzitutto la possibilità per la persona di ricorrere all’epilazione laser e, in secondo luogo, poter costruire per lei un percorso personalizzato di trattamento con una specifica sequenzialità delle sedute per ogni zona da trattare.

L’Epil Check-up rappresenta quindi la chiave del successo del nostro servizio di fotoepilazione laser, ed è per questo motivo che abbiamo deciso di offrire a tutti i nostri clienti la possibilità di prenotarlo GRATUITAMENTE!

Se vuoi eliminare il problema dei peli superflui dunque non perdere altro tempo: prenota subito il tuo Epil check-up gratuito con la nostra Epil Specialist!!

Se vuoi eliminare il problema dei peli superflui
dunque non perdere altro tempo:

prenota subito il tuo Epil Check-up GRATUITO
con la nostra Epil Specialist!!

Irene Coppola
Beauty Specialist

Cellulite Estetica Minafò

Alla scoperta del nemico n. 1 delle donne: la cellulite!

Cellulite Estetica Minafò

La cellulite è un’infiammazione progressiva del tessuto adiposo. Tutto inizia quando il sistema di “autopulizia” delle cellule adipose viene compromesso dagli sbalzi ormonali tipici dell’adolescenza, intossinando il tessuto. 

La sempre maggiore presenza di scorie provoca a seguire l’infiammazione del tessuto adiposo e finisce per compromettere la circolazione linfatica e venosa nella zona. E’ allora che compaiono le caratteristiche fossette sulla pelle, che prendono il nome di “buccia d’arancia” e che di solito ritroviamo su gambe, cosce, glutei e fianchi.

All’origine dell’insorgenza della cellulite, vi sono una serie di cause predisponenti:

  • genetiche, dovute alla maggiore attività ormonale, alla fragilità capillare o alla cattiva circolazione;
  • ormonali, perché l’eccessiva attività degli estrogeni comporta un aumento della ritenzione idrica;
  • vascolari, causati dalla sedentarietà, dalla postura, dal rallentamento del circolo sanguigno (stasi che favorisce l’insorgere della cellulite);
  • stress endogeno dovuto allo stile di vita frenetico ed allo scarso riposo notturno
  • cattive abitudini alimentari e comportamentali come ad esempio un’alimentazione ricca di grassi e zuccheri, l’abuso di sostanze alcoliche, il fumo, scarpe inadatte (con tacchi alti e punte strette), abbigliamento troppo aderente, ecc.

La sua definizione scientifica, Panniculopatia edemato-fibro-sclerotica, ne scandisce gli stadi evolutivi a seconda del livello di compromissione del sistema circolatorio:

  • 1° stadio: cellulite EDEMATOSA
  • 2° stadio: cellulite FIBROSA
  • 3° stadio: cellulite SCLEROTICA

Per poter correttamente individuare la miglior modalità di intervento su questo fastidioso inestetismo è necessario individuarne correttamente lo stadio evolutivo, attraverso specifici strumenti diagnostici di cui il nostro istituto si è dotato da tempo. 

E tu?

Ti sei mai chiesta a quale livello è la tua cellulite??

Se sei curiosa di saperlo, prenota subito un appuntamento con una nostra Beauty Specialist per effettuare una Diagnosi corpo con analisi termografica.

Irene Coppola
Beauty Specialist

Le 3 cose + 1 che puoi fare subito per contrastare la tua cellulite!

La prova costume si avvicina e per aiutarti a migliorare l’aspetto a buccia d’arancio delle tue forme, voglio darti 3 consigli che potresti subito mettere in pratica per ridurre la visibilità della cellulite!

L’acqua è un elemento centrale quando si deve affrontare la cellulite, poiché una delle sue manifestazione è appunto la ritenzione idrica all’interno dell’organismo, ovvero l’accumulo di liquidi carichi di scorie. Per favorirne l’eliminazione è importantissimo assumere almeno 2 litri di acqua al giorno, preferibilmente bevendo frequentemente piccole quantità.

Non è necessario praticare un sport specifico per aumentare il consumo di calorie. Basta una camminata di 40 minuti a passo veloce fatta regolarmente (almeno 3 volte alla settimana), per stimolare le cellule adipose a rilasciare le riserve di grasso nella circolazione sanguigna e favorire al contempo il ritorno venoso, il cui rallentamento è responsabile della ritenzione idrica negli arti inferiori.

L’alimentazione influisce notevolmente sulla ritenzione idrica e sull’accumulo adiposo. Consuma con regolarità frutta e verdura, limita i carboidrati e gli zuccheri e prediligi le carni bianche. Prediligi alimenti ricchi di cromo, come broccoli, asparagi, cereali e gemme di grano, perché limitano la trasformazione degli zuccheri in lipidi e quelli ricchi di vitamina C, come agrumi, ananas, kiwi,  e spinaci, perché proteggono le pareti dei capillari. Inoltre, è importante anche modulare durante la giornata l’introito di calorie a seconda del fabbisogno energetico, partendo con una colazione abbondante e finendo con una cena leggera.

L’altra cosa che puoi fare per riuscire a sconfiggere la tua cellulite è prenotare una consulenza corpo con una nostra Beauty Specialist. Il nostro team ha sviluppato il metodo BELLEZZA SU MISURA, che partendo da un’approfondita diagnosi dell’inestetismo, individua per ogni cliente un percorso personalizzato di trattamenti, in cui vengono combinate le tecnologie ed i cosmetici più adatti ad intervenire con successo sul problema.

Irene Coppola
Beauty Specialist

Le 5 domande più frequenti sull’epilazione laser

Da anni nel nostro istituto ci occupiamo di fotoepilazione e con il tempo ci siamo rese conto che alcune domande, che ci venivano poste dalle nostre clienti, si ripetevano con maggiore frequenza. 

Abbiamo voluto quindi racchiudere in questo articolo le 5 domande più frequenti che ci sono state fatte sulla fotoepilazione e le nostre relative risposte!

Come funziona il laser?

Il macchinario emette un fascio luminoso che riscalda il bulbo pilifero, fino ad ottenere la distruzione dello stesso. Se il bulbo viene colpito nella giusta fase di crescita del pelo (anagen), il trattamento riesce ad impedire la formazione di nuovo pelo. La superficie della pelle viene protetta dallo speciale manipolo raffreddato e dalla velocità di emissione della luce.

Meglio Laser o Luce Pulsata?

Nel nostro istituto abbiamo entrambe le tecnologie e quando necessario le intercambiamo durante il percorso di trattamento del cliente. In generale, il laser è più indicato per i peli più scuri e più evidenti, mentre con la luce pulsata trattiamo più efficacemente il pelo vello.

E’ vero che l’Epilazione è definitiva?

Non troviamo professionale l’uso del termine “definitivo” nel campo della fotoepilazione. Quello che infatti si può ottenere con la fotoepilazione è un risultato permanente, ovvero che permane nel tempo a seguito di mantenimenti. Il risultato si può definire apprezzabile, quando si ottiene un’eliminazione del 70-80% della peluria e la miniaturizzazione del restante 30-20% in lanugine accanto ad una ricrescita visibilmente rallentata. 

Il trattamento è doloroso?

Il trattamento laser viene avvertito come una sensazione di pizzicore meno fastidiosa di quella data dalla ceretta. Questa sensazione è fortemente influenzata dal meccanismo di raffreddamento della macchinario, che contribuisce a determinarne la qualità. Dopo il trattamento non si avverte alcun dolore o fastidio: sarà comunque necessario seguire gli accorgimenti indicati dalla Epil Specialist per ottimizzare i risultati.

Quante sedute è utile fare?

Il numero di sedute necessario ad ottenere un risultato permanente nell’eliminazione dei peli superflui dipende da diversi fattori individuali, quali le caratteristiche del pelo (quantità, spessore, resistenza, colore), della pelle (colore e livello di idratazione) e del soggetto ( età, assetto ormonale, terapie farmacologiche ecc.).

Per maggiori informazioni prenota un EPIL CHECK-UP: sarà per me un piacere conoscerti e rispondere alle tue eventuali ulteriori domande!

Irene Coppola
Beauty Specialist

Perché fare un’analisi termografica della cellulite?

Come già evidenziato nell’articolo del nostro blog dedicato all’approfondimento della cellulite, questo inestetismo non è sempre uguale: si tratta infatti di un processo infiammatorio che evolve con il passare del tempo e in base ad alcuni fattori endogeni ed esogeni.

Comprendere a quale livello sia la cellulite è un passo fondamentale per poter correttamente individuare il percorso più idoneo ad ottenere un risultato evidente su questo inestetismo.

Per meglio individuare lo stadio evolutivo della cellulite, nel nostro istituto ci siamo dotate di un preziosissimo strumento diagnostico: la termografia. Si tratta di un kit di lastre sensibili alle variazioni di temperatura, che applicate sul corpo ci danno la possibilità di determinare il livello di compromissione della circolazione e di conseguenza lo stadio della cellulite.

L’analisi termografica non è assolutamente dolorosa e può essere ripetuta più volte per valutare l’evoluzione del danno al microcircolo nel tempo e a seguito del percorso di trattamenti.

Sei curiosa di conoscere qual è il tuo livello di cellulite?

Prenota subito una consulenza corpo con analisi termografica con una nostra Beauty Specialist e scopri a quale stadio si trova la tua cellulite e quale sarebbe il percorso di trattamenti più adatto ad intervenire su di essa!

Irene Coppola
Beauty Specialist

Sindrome della pelle sensibile

La pelle sensibile è una condizione ampiamente riconosciuta da diversi studi scientifici ed è caratterizzata da estrema suscettibilità, reattività e intolleranza della cute a diversi fattori scatenanti.

La pelle ha una naturale barriera protettiva, che aiuta a tenere lontani i batteri e le sostanze nocive evitando che entrino in contatto con gli strati più profondi della pelle, limitando inoltre la perdita di acqua e prevenendo la disidratazione.

  • Un film idrolipidico in salute aiuta a mantenere la pelle sana ed idratata, preservandone l’elasticità e la compattezza. Ma alcuni fattori esogeni, come il clima, e altri endogeni, come lo stress, possono danneggiare questo processo, indebolendo le naturali difese della pelle e rendendola ruvida e secca. L’uso costante della mascherina imposto dalle norme anti-contagio ha aggravato per molte pelli l’alterazione del mantello idrolipidico, causando un’importante infiammazione della pelle.

Quali sono i segni di una pelle sensibile???

  • Visibilmente una pelle sensibile presenta eritema (il rossore o l’irritazione), la desquamazione, gonfiore o ruvidezza.
  • I soggetti affetti di solito provano prurito, tensione, bruciore o sensazione di pizzicore.

Un corretto intervento estetico, da bilanciare in cabina e nella cura domiciliare, dovrebbe essere volto innanzitutto a ripristinare il film idrolipidico per poi ridurre il livello di infiammazione e rafforzare le pareti dei capillari

Nel nostro istituto, per valutare l’esatto livello di idratazione e di sensibilità della pelle, quando effettuiamo una consulenza viso ci avvaliamo di un’analisi con dermatoscopio, che ci dà la possibilità di individuare l’intervento estetico più idoneo, in base ai diversi parametri presi in considerazione:

  • livello di idratazione della pelle
  • peso della componente lipidica nella barriera cutanea
  • dimensione e distribuzione dei pori
  • intensità delle macchie cutanee
  • profondità delle rughe
  • quantità e distribuzione delle impurità
  • livello di sensibilità curtanea

Ti piacerebbe conoscere lo stato di salute effettivo della tua pelle?

Irene Coppola
Beauty Specialist